Crossing 2011-12
Crossing 2010-11
Percorsi di avvicinamento al lavoro
Borse lavoro estive 2011
Sulla strada
Roots 'n 'love
Angelo Villa, Pedagogika ott-dic 2010
Carnevale di Lecco
I ragazzi di Crossing sfilano
per le vie della città
Stati Generali
Newsletter
nov./dic. 2010
Esordi
Percorsi di integrazione per adolescenti immigrati e adolescenti italiani

Crossing 2012-13: la cultura dell'accoglienza, il gratuito

Crossing è un’offerta gratuita ai giovani e al territorio. Se ne fa carico la Comunità di via Gaggio con tutte le collaborazioni che documentiamo puntualmente ogni anno con la pubblicazione del Bilancio Sociale.

La Casa sul Pozzo, collocata nel quartiere di Chiuso, è diventata un luogo significativo per il territorio, come un’oasi.

Le oasi, dice il geografo Andrea Pase, “non sono, come può sembrare, luoghi baciati dalla fortuna in cui la natura tanto amorevolmente e gratuitamente concede agli uomini ciò che nega nel deserto: acqua, verde, ombra... Le oasi, partendo sì da alcune condizioni minime, sono il frutto dell’opera paziente ed ingegnosa di captazione delle acque, di irrigazione sapientemente regolata, di costumi sociali di cooperazione, di leggi nella spartizione dell’acqua, di trasmissione delle tecniche nel tempo, di memoria delle generazioni precedenti. Quanto può sembrare naturale tanto un’oasi è territorio costruito, pensato, dotato di senso dalle comunità umane. Non sono anonime, tutte uguali: ognuna ha i suoi sistemi, le sue conoscenze, il suo rapporto con l’ambiente intorno”.
Così La Casa sul Pozzo e i progetti che vi si realizzano, particolarmente il progetto Crossing, sono luoghi sintesi di itinerari pedagogici, di significati sperimentati e trasmessi, di coesistenza di energie positive. In questa Casa ognuno cessa di essere estraneo all’altro; i nomi di origine, le religioni professate non diventano muri di separazione ma condizioni che permettono di affacciarsi sui vissuti reciproci.
La Casa non è l’inizio di una filiera di servizi che si possono moltiplicare, ma è l’espressione di una visione spirituale e politica della città; i due elementi giocano insieme, sono inscindibili, si sostengono e si guardano: spiritualità e politica.
Spiritualità nella dimensione più profonda e non rituale e ripetitiva; il mistero che abita la carne di ogni uomo sostiene le fatiche di trovare un’unità interiore, di aprire ad un colloquio di fraternità universale, di sperimentare di essere casa personale del Dio vivente e di avere un colloquio fiducioso e filiale con lui e con ogni uomo.
Politica è la visione appassionata e armoniosa di una vita tra uomini che si riconoscono abitanti la stessa terra anche se diversi per radici e per cammini, capaci di organizzare una vita che sia attenta ai più vulnerabili e di aprirsi ad una convivialità rasserenante, cioè che abbia cura di tutti e che abbia a cuore il destino di vita di ognuno.
Per fare sintesi tra vita spirituale, personale e collettiva ci vogliono “spazi di incontro” (questo è il senso de la Casa sul Pozzo) dove ravvivarne il senso.
Tutti gli incontri sono preziosi e devono essere “politici”, cioè aprono a cammini di cambiamento. Gli abitanti de La Casa sul Pozzo sono chiamati ad essere pellegrini dentro l’esperienza di spiritualità degli uomini (Pannikar).
La Casa non è il punto di arrivo ma un’esperienza intermedia, una stazione; indica quindi un divenire che è più importante di quanto abbiamo vissuto e di come l’abbiamo capita.
Ai giovani e a quanti la frequentano e a quelli che saranno dopo di noi la comunicazione non è tanto legata a quel che abbiamo fatto, un bene deteriorabile, ma il segreto del perché lo abbiamo fatto.
• In questa casa si può narrare la propria storia e ascoltare quella degli altri.
• In questa casa si può imparare a mettere insieme terra (a volte generosa o atroce) e cielo (desideri, progetti, sperimentazioni…)
• In questa casa gli adolescenti e giovani non sono oggetto della nostra attenzione ma soggetti che stanno sperimentando le parole personali da dire con la vita.
• Questa casa è sempre aperta perché sperimenta la fiducia offerta da quanti vi entrano e vuole corrispondere con altrettanta apertura.


Paesi di provenienza
29 sono i Paesi che hanno caratterizzato la presenza dei ragazzi durante quest’anno (dato relativo unicamente alle iscrizioni effettuate).
• Benin • Burkina Faso • Costa d’Avorio • Egitto • Gambia • Ghana • Guinea Bissau • Mali • Marocco • Nigeria • Senegal • Tunisia • Albania • Kosovo • Turchia• Moldavia• Polonia • Ucraina • Bengala • India • Iran • Pakistan • Cina • Perù • Colombia • Bolivia • Rep. Domenicana • Brasile •














 
comunità di via gaggio onlus - 23900 Lecco - tel. 0341 421427 - part. iva 02337960138 - info@comunitagaggio.it
 
stampa