Fabio Sbarbaro
   


40 anni dopo...

 

FABIO SBARBARO

Ciao Angelo,
ti scrivo per dirti solo alcuni miei pensieri.

Penso che tra la vecchia e nuova leva della comunità si dovrebbe ringraziarsi a vicenda, perché la prima diciamo che con il suo lavoro e il tempo dedicato alle persone in difficoltà
(e con loro) con tanta fatica e speranza nel futuro, hanno creato quello che adesso tutti noi stiamo vivendo. Invece l'associazione adesso in questi anni con tante persone che si sono avvicinate, stanno portando avanti con il loro impegno e lavoro, le idee che condividiamo
da 40 anni, sono cambiate le tematiche, ma il pensiero va sempre per gli "ultimi".

La seconda cosa è che come ho già detto venerdì sera, senza queste magnifiche persone tanta gente (ed io mi sento uno di quelli), non avrebbero avuto una possibilità in questo mondo, sarebbero rimasti sulla soglia e ai margini della società, esclusi ed emarginati, senza avere una speranza di futuro.

Invece la Comunità ha dato loro una nuova possibilità e ha tirato fuori il meglio di loro e lo ha restituito alla gente comune che in questi esclusi non avrebbe scommesso 2 lire. Il fatto per esempio di Gressoney, dove i ragazzi "diversi", gestivano ed accoglievano i giovani normali,
è stato il ribaltamento della realtà che nessuno si aspettava in quel tempo, una intuizione assoluta che ha funzionato in modo eccellente.

Immagina la tua vita condivisa era uno slogan che mi ricordo ancora da quando ero bambino; seconda me bisognerebbe ritornare al concetto di Comunità, dove le persone sono trattate come tali, non come beni. Invece adesso va di moda dire società, che per me ha un significato più economico che umano.

Pensavo al fatto del lavoro, mi viene in mente questi 40% di giovani disoccupati, ma perché non fare una sorta di servizio civile dove per chi è veramente interessato alla causa e non solo ad uno stipendio, possano venire inseriti in queste realtà come la nostra per dare magari
con le loro competenze aiuto a far rinascere il nostro paese, senza rimanere in panchina
ad aspettare.

Ringrazio tutti.

Fabio Sbarbaro
22 febbraio 2015


 
 
comunità di via gaggio onlus - 23900 Lecco - tel. 0341 421427 - part. iva 02337960138 - info@comunitagaggio.it
 
stampa